ALTERNATIVES IN SOCIETIES

– Draft relationships between minority societies and design –

Why an alternative and minoritarian point of view?

( Italian Text below )

“Alternatives in society” are three words that can cause a wide range of meanings, and can be defined  with multiple perspectives. The direction that I would like to explore here is the one that starts from the preposition “in” . Which means  to make a research on some “alternatives” present in some “societies” taken as reference and outline a reflection on those who are the processes of interrelation between the “minorities” (in terms of quantity and number of the phenomenon) and “majority”, that is like to say between  the “alternative” and the the “society”. So not so much “alternative to the society” but “alternative in society.”

The word “alternative” is taken here in a sense social, cultural and economic: a group of people who are implementing social relations and exchange according to cultural and organizational models different from those that occur in a majority of the society. Within the series, it is taken as reference especially those “alternatives” that are identifiable in terms of space circumscribed, that unfold and carry into zones and areas more or less identifiable, circumscribed. With the preposition “ in” then you are taking the attention not only on the form of relationship between alternative-society, but also on its spatial location.

_

Why look at a society starting from its parts and its minoritarian aspects? And what has this to do with the design?

_

The basic idea is that the alternatives are particular points of the society in which there is a “structural failure”, that is a loss of the web of relationships and meanings majority. This failure opens the event of the general laws governing the same society, a bit ‘like, using a metaphor, by a hole in a dam bursting with its output of water, you could observe the emergence of the physical laws of gravity and hydrodynamics.

_

Exemplary is the case of the Roma minority into society of majority societies with which in the course of time and different countries have established forms of economic and social interrelationship. The basic thesis belongs to the groove of those (Vitale, Ambrosini, Tosi to name a few) believe they are not so much the outcome of different cultural characteristics, but the result of political processes, social and economic in general that such groups ” weak “are inserted. So the plot of the forms of relationship that these groups activated with other majority groups highlights the characteristics of the policies of the society, of the forms of territorial settlement, the economic spaces that open in certain ways to produce, the opportunities related to production models of specific regions. Minority situations that may, however, be a harbinger of circumstances that in the near future, however, may be of interest to larger sections of the population.

In this sense, the cultures produced by minority groups are seen as the “adaptive reactions” to a general environmental situation in which they are located. The design, in some ways is one of them. In this sense it seems to me extremely significant reflection of E.Manzini on recent phenomena of widespread planning at various levels in society (Emergent Design). Bridging between E.Manzini Z. Bauman and you could say that in the face of constant generation of issues related to the smooth socio-economic current, it is spreading an approach to design as a result of an historic phase of constant instability and the production problems that we try to respond by developing projects.

_

The case of the Rom is in fact, in its settlement patterns, housing and use of objects, a typical case of Emergent Design,carachterized by a low-profile technology .

Forced by the logic of the overall relationship in which they are historically developed, the company Romanies have had to adapt by developing a counter-culture peculiar and maintaining of forms of social organization (extended family) needed to cope with economic hardship. The macro -fenomeno that underlies the appearance of their company, called “Romani” is in my view to a society without welfare, as a result of the exclusion of class conflict in the construction of an access path to social development inherent in panorama of the possibilities offered by the existence of the welfare state. The case of the Roma, in Western Europe, can be seen as a case of a class remained for historical reasons the margin of the process of collective social improvement occurred through the conquest of the use of participatory tools and services and therefore subject to adverse outcomes social exclusion of non-productive and non-functional tempered by means of inclusion and the creation of prospects. Obviously you can not generalize, and there are also opposite cases.

However the set of instrumental escamotages and housing to cope with extreme situations worthy of interest.

_

Another reason why “the alternative point of view and a minority” in my opinion is interesting in view of the assessment of the overall functioning of a company is because it is possible to control the mass of phenomena listed in the broader dimension of the company if they lose the boundaries. To this observation points focus on cases also spatially limited, in order to isolate the patterns which you can get to say something, or, as mentioned above, is possible through the “reactions” model minority identify the peculiar physiognomy of “actions” being in the majority society, that is, its general operating rules.

“Alternatives in society” will be a moment of reflection on the data collection phase critical to the design, without which the design result risks being reduced to mere formal determination. Says Manzini, in the good company of various authors (Vitta, Baroni), what people commonly identify as design is nothing more than the answer to some needs of industrialization. Hence over time it has created an architecture specification that has developed several tools now available and at the service of society and the needs of not only industrial production. Already the experience of Radical Design, but also the European Postmodern can be read as the advance in design of claims and demands not only productive. This is one of the cornerstones of European design, which instead featured less the American Design, more tied to the production-distribution-process communication, in light of the pre-eminence which you can understand the difference between the post-modern movement as a trend and what Venturi. As for the claim of the initial trend, as shown in the recent exhibition at the Pompidou Centre, it was to define an architecture not utopian but political and grip on reality, it’s hard not to glimpse the real developments in a propensity to recover cultural values ​​rather than politicians. In fact the gap utopia in architecture was in fact a detachment from modern dreams on recovering memories and insights multidisciplinary, thus de facto separation from logic economistic and productivist. The short circuit is around the corner, thin, but this is not clear. This is not the place to develop it. The Postmodern American, however, from Lerning from Las Vegas is of a more Pop, Pop here to where we want to understand the outcome of the process of moving large parts of the working class to the level of the middle class, accompanied by access to consumer of goods of various kinds. Within this macro-process architecture celebrates the American myth of social improvement through growth in production to which the advertising phenomenon is functional.

In Europe today, however, we are facing an economic transformation recessive for the middle classes, with respect to which they return in the foreground primary needs. The case of the experiment “Participatory Design”, developed together with the BEST Department of Milan Polytechnic, or expulsion housing (could be called a process of gentrification) of seventy families from a housing estate in the center of Milan highlights dramatically the crisis of social relations of these families at the base of their marginalization. With the participation of stakeholders trying to amend the difficulties, but it also highlights the weakness of the approach to design is not based on a policy of empowerment. The project results are interesting, but the limits of that experience are all being solely an operation planning Monodisciplinary.

_

And here then, in a cultural decomposed but interesting period of joint, ambitions of ecological productive conversions , technological ferment of various kinds, the design needs of minority places where you can actually structuring multidisciplinary approaches, breaking away from the demands of a purely productive affecting businesses to “participate” with other disciplines in efforts to transform and improve the social, economic, cultural, productive  panorama.

These places are optimal for the extrapolation of needs, the definition of requirements and ultimately the formalization of performance objects and artifacts. The EXPERIMENTS that this area may come out are affecting the early stages of the design process, the more “heuristic”, ie those aspects of the design related to the understanding of the problem, gathering information and formulating ideas. The Italian design has recently settled on the final results too uncritically prone to the dictates of needs now limited under the storms that loom on the horizon today.

Italian text:

“Alternative nelle società” sono tre parole che possono originare un’ampia gamma di significati e quindi definire con essi molteplici prospettive tematiche. La direzione che vorrei qui esplorare è quella che parte dalla preposizione articolata “nelle”: si tratta di cominciare ad effettuare una ricerca su alcune “alternative” presenti all’interno di alcune “società” prese a riferimento e delineare una riflessione intorno a quelli che sono i processi di  interrelazione tra l’elemento minoritario ( in termini quantitativi e numerici del fenomeno) che è “l’alternativa” e quello maggioritario che è la “società”. Non tanto dunque “alternative alle società” bensì “alternative nelle società”.

La parola “alternativa” va qui assunta in un’accezione sociale, culturale ed economica: ovvero un  gruppo di persone che mettono in atto relazioni sociali e di scambio secondo modelli culturali ed organizzativi diversi rispetto a quelli che avvengono maggioritariamente all’interno della società. All’interno della casistica, vengono prese a riferimento soprattutto quelle “alternative” che sono identificabili in termini spaziali circoscritti, cioè si dispiegano ed espletano in zone e aree più o meno identificabili, circoscrivibili. Con la preposizione  nelle dunque si intende portare l’attenzione non solo sulla forma di relazione tra alternative- -società, ma anche sulla sua collocazione spaziale.

Perché guardare una società partendo dalle sue parti e dai suoi aspetti minoritari? E che c’entra tutto questo col Design?

L’idea di fondo è che le alternative si manifestino in particolari  punti della società in cui vi sia una sorta di “cedimento strutturale”, cioè un venir meno della trama di relazioni e significati maggioritari. Tale cedimento apre alla manifestazione delle leggi generali che regolano la stessa società, un po’ come , utilizzando una metafora, se da un buco in una diga con relativa uscita prorompente di acqua, potesse osservarsi il manifestarsi delle leggi fisiche di gravità e idrodinamica.

Esemplare è il caso dei Rom, società minoritaria all’interno di società maggioritarie con le quali nel corso dei tempi e dei diversi paesi hanno stabilito forme di interrelazione economica-sociale. La tesi di fondo appartiene al solco di quanti (Vitale, Ambrosini, Tosi solo per citarne alcuni ) ritengono che non siano tanto l’esito di caratteristiche culturali diverse , bensì l’esito dei processi politici, sociali ed economici generali dentro cui tali gruppi “deboli” sono inseriti. Per cui la trama delle forme di relazione che questi gruppi attivano con altri gruppi maggioritari mette in luce le caratteristiche delle politiche delle società, delle forme di insediamento territoriale, degli spazi economici che si aprono dentro determinati modi di produrre, delle opportunità legate ai modelli produttivi di specifiche regioni. Situazioni minoritarie che possono tuttavia essere l’anticipazione di condizioni che in un futuro prossimo potrebbero però interessare fasce più ampie della popolazione.  

In questo senso le culture prodotte dai gruppi minoritari sono viste come delle “reazioni adattative” ad una situazione generale ambientale nella quale sono inserite. Il Design, per certi versi è una di esse. In tal senso mi sembra estremamente significativa la riflessione di E.Manzini sui recenti fenomeni di progettazione diffusa a vari livelli nelle società  ( Design Emergente ). Gettando un ponte tra E.Manzini  e  Z. Bauman si potrebbe dire che a fronte di una costante generazione di problematiche legate alla fluidità socio-economica attuale, si stia diffondendo  un approccio  al design come conseguenza di una fase storica di costante instabilità e produzione i problemi a cui si cerca di dare risposta tramite lo sviluppo di progetti.

Il caso dei Rom è di fatto, nei suoi modelli insediativi, abitativi e di uso degli oggetti, un caso tipico di Design Emergente  a basso profilo tecnologico e speculativo.

Costretti dalla logica delle relazioni complessive in cui si sono storicamente sviluppate, le società Romanì si sono dovute adattare sviluppando una contro-cultura peculiare e mantenendo delle forme di organizzazione sociale ( famiglia allargata ) funzionali a far fronte alla penuria economica. Il macro –fenomeno che sta alla base della fisionomia delle loro società, chiamate “Romanì” è a mio avviso quello di una società senza welfare, risultato dell’esclusione da un conflitto di classe nella costruzione di un percorso di accesso allo sviluppo sociale insito nelle panorama delle possibilità offerte dall’esistenza dello stato sociale. Il caso Rom, nell’Europa occidentale, può essere visto come il caso di una classe rimasta per ragioni storiche al margine del processo collettivo di miglioramento sociale avvenuto attraverso la conquista dell’uso di strumenti  di partecipazione e servizi e per tanto sottoposta agli esiti nefasti dell’esclusione sociale delle componenti non produttive e funzionali non temperata da strumenti di inclusione e costruzione di prospettive. Ovviamente non è possibile generalizzare, e ci sono anche casi opposti.

Ad ogni modo l’insieme degli escamotages strumentali ed abitativi per far fronte a situazioni estreme è degno di interesse.

Un’altra ragione per cui “il punto di vista alternativo e minoritario” è secondo me interessante nell’ottica della valutazione del funzionamento generale di una società è perché in esso è possibile controllare la massa di fenomeni di cui nella dimensione più allargata della società se ne perdono i confini. Per questo i punti di osservazione si concentrano su casi circoscritti anche spazialmente, al fine di isolare dei modelli di cui si può arrivare a dire qualcosa, ovvero, come detto sopra, sia possibile attraverso le “reazioni” peculiari del modello minoritario identificare la fisionomia delle “azioni” in corso nella società maggioritaria, cioè le sue regole di funzionamento generale.

“Alternative nella società” vuole essere un momento di riflessione su quella fase di raccolta dati fondamentale per il Design, senza la quale il risultato progettuale rischia di ridursi alla semplice determinazione formale.  Come dice Manzini, in buona compagnia di vari autori ( Vitta, Barone ), quello che comunemete identifichiamo come design non è altro che la risposta ad alcune  esigenze dell’industrializzazione. Da qui nel tempo si è creata un’architettura disciplinare che ha messo a punto diversi strumenti ora disponibili e a servizio di una società e di esigenze non solo industriali o produttive. Già l’esperienze del Radical Design , ma anche del Postmodern europei può essere letto come l’avanzare nel Design di rivendicazioni ed esigenze non solo produttive . Questo aspetto è uno dei fondamenti del design europeo, che ha invece ha caratterizzato meno il Design Americano, maggiormente legato al processo produttivo-distributivo-comunicativo, alla luce della cui preminenza si può capire la differenza tra il Postmoderno di un movimento come Tendenza e quello di Venturi. Per quanto la rivendicazione inziale di Tendenza , come mostra la recente mostra al Centro Pompidou, fosse quella di definire un’architettura non utopica bensì politica e con presa sulla realtà, è difficile non intravedere nei reali sviluppi una propensione al recupero di valori culturali più che politici. Di fatto il distacco dall’utopia in architettura era di fatto un distacco dai sogni moderni verso il recupero di memorie e approfondimenti multidisciplinari, quindi di fatto il distacco dalla logica economicista e produttivista. Il cortocircuito è dietro l’angolo, sottile, non chiaro ma presente. Non è qui il luogo dove approfondirlo. Il Postmodern americano invece , a partire da Lerning from Las Vegas è di natura più Pop, dove per Pop qui si vuol intendere l’esito del processo di passaggio di parti consistenti delle classi popolari al livello di classe media, accompagnato dall’accesso al consumo di beni di varia natura. Dentro questo macro-processo l’architettura celebra il mito americano di miglioramento sociale attraverso la crescita produttiva alla quale il fenomeno pubblicitario è funzionale.

In Europa oggi siamo però di fronte ad una trasformazione economica recessiva per le classi medie, rispetto alla quale tornano in primo piano necessità primarie. Il caso dell’esperimento “Partecipatory Design”, elaborato assieme al dipartimento B.E.S.T del  Politecnico di Milano, ovvero l’espulsione abitativa ( potrebbe essere definito un processo di gentrification ) di settanta famiglie da un quartiere di case popolari nel centro di Milano mette in luce drammaticamente la crisi delle relazioni sociali di tali famiglie alla base della loro marginalizzazione. Con la partecipazione dei diretti interessati si cerca di emendare alle difficoltà, ma si mette in luce anche la debolezza di un approccio al design non fondato su di una politica di empowerment. I risultati progettuali sono interessanti, ma i limiti di quell’esperienza stanno tutti nell’essere unicamente un’operazione progettuale monodisciplinare.

Ed ecco che dunque, in un periodo di articolazioni culturali scomposte ma interessanti, ambizioni a riconversioni ecologiche, fermenti tecnologici di vario genere, il Design necessita di luoghi minoritari dove poter strutturare realmente approcci multidisciplinari, staccandosi dalle esigenze di natura puramente produttiva che interessano le aziende per “partecipare” assieme ad altre discipline a tentativi di trasformazione e miglioramento sociale, economico, culturale, produttivo.

 

Tali luoghi sono ottimali per l’estrapolazione di esigenze, la definizione di requisiti e in ultima istanza la formalizzazione di prestazione degli oggetti e dei manufatti. Gli ESPERIMENTI che da tale ambito possono venirne fuori interessano le prime fasi del processo progettuale, quelle più “euristiche”,  ovvero quegli aspetti del Design legati alla comprensione del problema, alla raccolta di informazioni  e alla formulazione di idee. Il Design italiano si è ultimamente assestato troppo sugli esiti finali, acriticamente prono ai dettami di esigenze ormai limitate nel quadro delle tempeste che si profilano oggi all’orizzonte.

Bibliography :